Il problema delle volpi a Londra

Qualche settimana fa a Sud di Londra una volpe si è introdotta all’interno di una casa ed ha attaccato un bambino di poco più di un mese, staccandogli un dito mentre dormiva.

Quando racconto a qualcuno che qui la notte vanno in giro le volpi, e che più di una volta ne ho visto una di fronte a casa, non vengo creduta; Continua a leggere

Annunci

Gli Inglesi e i lavandini …

lavandProbabilmente ancora non ve l’aveva detto, ma Dancer sta cercando una nuova casa.

Impresa non facile da queste parti. Comunque prima o poi qualcosa si troverà, dopo aver girato tutta Londra, praticamente.

Ma come mai ‘sti British a volte sono così complicati ?

La cosa più difficile da sopportare è la moquette in bagno. Vi prego. Non vorrò mai il carpet nella Continua a leggere

Ogni tanto le notizie fanno ridere …

L’altro ieri mentre ero sulla tube ed andavo a lavoro, leggevo il quotidiano gratuito METRO che si trova ogni mattina in tutte le stazioni.

Ad un certo punto mi è capitata una notizia buffissima ed ho iniziato a ridere da sola come una deficiente.

Un tizio nelle poltrone vicine si è accorto e mi ha guardato in modo strano poi finalmente  Continua a leggere

Ancora sulla neve!

neveContinua a nevicare !

Vi posto alcune foto, le prime sono della zona intorno a dove abito, Continua a leggere

Neve a Londra

  Stamattina Londra si è svegliata con la neve ! Cosa stranissima che accade molto raramente.

Ha ripreso a nevicare a metà mattinata, ero a lavoro e vedevo dei bei fiocconi cadere dolcemente sull’asfalto di Oxford Street.

Pensate che nella pausa pranzo sono uscita senza ombrello e con le ballerine ai piedi sotto la neve ! Oramai sono una British a tutti gli effetti 😀 Continua a leggere

Papere a Londra

spacerAvrete visto o sentito nei vari telegiornali e radio ieri, l’ennesima stranezza Londinese.

Una papera gigante per strappare un sorriso!

 Su un’idea marketing dell’azienda Jakpot Joy, il Tamigi ha visto navigare una paperona gonfiabile gigantesca nelle sue acque.

Il fine di questa operazione, oltre a quello pubblicitario, era la speranza che questa papera ispirasse chiunque la vedesse ad essere più positivo e ridere. 

Avrà funzionato? Credo di si, effettivamente era simpatica e un sorrisetto è riuscita a strapparlo! Vi lascio alcune foto:

50-foot-rubber-duck-bobs-along-the-river-thames-1-25396-1355259510-0_big

 

 

 

 

 

50ft-duck-on-the-thames-ay_99608617

 

 

 

 

 

 

 

 

LondraunapaperagigantesulTamigi20121212

 

 

 

 

 

 

 

big%20duck%20480

 

 

 

 

 

 

Rubber-Duck-Thames-4-750x399

 

 

 

 

 

 

 

C’è anche da dire che a Londra ( ma non solo) ogni anno si svolge la gara delle paperelle sul Tamigi, scopo beneficienza per le varie organizzazioni che sono diverse di anno in anno.

Il periodo è tra Agosto e Settembre, vengono gettate sul fiume circa 250.000 paperelle ecco alcune foto:

2818076090_ae074938e0

 

 

 

 

 

duck-race-460b_798622c

 

 

 

 

 

 

2qi1hci

 

 

 

 

 

 

 

 

PAPERE

 

 

 

 

 

 

 

 

The+Great+British+Duck+Race+e0e4IgXyCs5l

 

 

 

 

 

 

 

 

tamigi1

 

 

 

 

 

 

 

 

tamigi2

 

 

 

 

 

 

 

 

See you,

Dancer.

La corsa dei Babbo Natale

corsa babbo nataleCome poteva passare inosservata la corsa dei Santa Claus ieri qui a Londra?

Circa 2000 persone vestite da Babbo Natale ieri hanno partecipato ad un bellissimo evento al Battersea Park, evento organizzato da una Charity con lo scopo di raccogliere fondi per permettere a persone con disabilità varie ( Celebral Palsy, Down Sindrome etc… ), di poter partecipare agli sport sulla neve. La quota per partecipare era di £20, inclusa la tuta di B.N, c’erano anche tanti bambini.

Quindi tuta in mano e via a correre per 6 Km nel parco. Il 9 Dicembre ne organizzeranno un’altra al Greenwich Park, stavolta per raccogliere fondi per aiutare le persone colpite da autismo.

Vi lascio qualche foto,

See you,

Dancer.

santas

corsa babbo natale

corsa babbo natale2

babbo natale corsa

corsa babbo natale 2

Il parco in giallo

100_1755Fino alla settimana scorsa il parco vicino a casa si presentava così, giallo.

Certo il fall foliage a Londra non è dei più belli, niente a che vedere con ciò che succede in Vermont ad esempio, dove troviamo dei paesaggi con colori spettacolari in questo periodo.

Mi fa riflettere vedere il parco  in questa versione, strano pensare che fino a qualche giorno fa tutto era verde,  ora è giallo e tra poco le foglie non ci saranno più, cadranno completamente per lasciare spazio a nuova vita, tra un bel pò di mesi.

Un ciclo infinito, a cui niente e nessuno può sottrarsi.

See you,

Dancer.

100_1755

100_1740

 100_1743

 100_1754

100_1747

100_1741

Come iscriversi dal medico a Londra:

Finalmente sono riuscita ad iscrivermi dal medico a Londra !

Nel Regno Unito il servizio sanitario nazionale è chiamato NHS ( sarebbe la nostra ASL), e fornisce assistenza sanitaria gratuita alla popolazione.

Quindi sia le visite mediche che ospedaliere sono gratuite, a meno che non si voglia andare da uno specialista in privato.

Il medico di base qui si chiama General Practicioner (GP), e ci si iscrive in uno di quelli che si trovano nella propria zona di residenza. Il sito sul quale andarli a cercare è quello dell’ NHS  appunto! Non dimenticatevi di selezionare la casella ‘ solo medici che accettano nuovi pazienti’, perchè alcuni sono già full.

Nel sito potete trovare la descrizione completa dell’equipe ( composizione staff, lingue parlate) , e addirittura le recensioni dei pazienti!

Io ho scelto il mio e sono andata ad iscrivermi di persona ( volevo vedere con i miei occhi), ma ci si può iscrivere anche online.

Subito ho notato delle enormi differenze rispetto a quanto abituata in Italia. Il mio medico Inglese non è uno solo, ma la ‘Practice’ è composta da tre medici e due infermiere.

Dopo la consegna del modulo alla reception, ti fissano un appuntamento per qualche giorno dopo, in cui l’infermiera compilerà la tua cartella. Devi portare le |urine| il cui flaconcino da utilizzare ti viene consegnato il giorno dell’iscrizione. Quindi l’infermiera ti dice se sono a posto, poi ti pesa e ti misura l’altezza. Si sofferma in modo particolare sul discorso alcool: non poteva credere che io fossi quasi astemia e quindi ha voluto segnare la quantità di 1 bicchiere sulla mia scheda ( e vabbè fai come vuoi, non è che mi interessi granchè ).

Mi ha chiesto del pap test e mi ha detto che devo a farlo, in quanto qui in UK è obbligatorio farlo ogni tre anni, va bene anche una ricevuta Italiana, l’importante e che loro la possano vedere, sennò spediscono lettera di sollecito a casa. Per cui c’è da prendere un appuntamento e viene fatto lì alla Practice da un’infermiera.

Dopo ciò viene fissato un altro appuntamento per il prelievo del sangue per le analisi complete ( tiroide etc .. ) sempre lì alla Practice, anche questo fatto da un’infermiera.

Diverso che in Italia, no?

Per ora l’impressione è stata molto buona, estremamente gentili, attenti, e professionali.

Ti controllano dalla A alla Z senza che tu chieda nulla, in Italia a volte ho dovuto alzare la voce solo per poter avere una ricetta!

Comunque per chi preferisce, ecco la lista dei medici Italiani a Londra: ambitalia.org.

See you,

Dancer.

Remembrance day e altro

Ieri era il Remembrance Sunday ed oggi è il Remembrance Day (Giorno del Ricordo).

Già da una decina di giorni vedevo tantissime persone che indossavano una spilla a forma di papavero (poppy), appuntata su giacche e giubbotti.

Andando a cercare perchè ho scoperto che queste spille vengono donate da delle Charities e le somme incassate sono devolute vanno alle famiglie dei caduti. I caduti appunto.

Nel Giorno del Ricordo infatti, nel Regno Unito come anche in altri Paesi, si ricordano gli Uomini e le Donne morti nelle due guerre mondiali. I cannoni smisero di sparare proprio alle ore 11 dell’11 Novembre del 1918, dopo quattro anni di ininterrotti combattimenti.

Perchè è stato scelto il papavero come simbolo? Perchè i questi fiori sbocciavano in maniera copiosa nei campi di battaglia delle Fiandre nella prima guerra mondiale, e il colore rosso riporta allo spargimento di sangue in queste guerre.

Nelle due giornate qui a Londra si tengono diverse cerimonie e si trovano in ogni angolo delle corone di papaveri posate sui pavimenti. La cerimonia più importante si tiene a Whitehall dove la Regina e i rappresentanti politici e militari si incontrano per porre delle ghirlande di fiori sotto al Cenotafio.

Il giorno prima è stato il momento del Lord  Mayor’s Show: la cerimonia si svolge dal 1535, consiste in una parata ( 6000 persone circa) guidata dal Mayor che siede in una Carrozza di Stato, e si dirige verso la Royal Court of Justice dove giura la sua fedeltà alla corona.

Ovviamente non manca il saluto dello spettacolare volo degli aerei della Raf.

Qualche giorno prima c’è stata l’accensione delle luci in Carnaby Street, i dischi sono in omaggio ai Rolling Stones:

 

 See you,

Dancer.

… di incontri blogger, halloween, luci di natale e bonfire night

 E rieccomi ….

Intanto volevo dirvi che la Dancer ha fatto il suo primo incontro con una blogger in carne e ossa. Che strano vedere materializzata davanti a te una persona che conosci soltanto via web … ti fai un’idea di come potrebbe essere in base a ciò che leggi nel suo blog e poi te la ritrovi davanti ed in questo caso è stata una conferma dei miei pensieri!

Insieme all’Ing. of course, ci siamo ritrovati in una pizzeria qui a Londra con l’autrice del blog pomodoriverdi , suo marito e le loro due fantastiche girls.

Ripeteremo al più presto !

Quanto ad Halloween come immaginerete le passeggiate di zombies e scheletri vari si sono sprecate per la città, io addirittura ho fatto alcune foto nel centro commerciale superposh che si trova a Piccadilly Circus Fortnum and Mason , foto che avevo intenzione di pubblicare qui ma sono troppo terrificanti (per me), foto che consistono in bottigliette di vodka al cui interno ci sono scorpioni interi o ragni giganteschi rigorosamente veri e anche commestibili perchè allevati non so dove, ma ho preferito non rivederle perchè non sarei riuscita a dormire questa notte …

Ieri poi c’è stata la tanto attesa accensione delle luci di Natale in Oxford Street e concerto di Robbie Williams, Leona Lewis, c’era anche Emma Bunton.

Divertente vedere alcune persone portarsi via la gigantografia cartonificata di Robbie, ne ho visto alcuni anche in metropolitana …

A fine concerto ci sono stati i fuochi d’artificio.

Ma i fuochi ci sono stati in tutta la città Lunedi 5 novembre ! Sembrava di essere in guerra dal frastuono che c’è stato per tutta la giornata.

Si celebrava il Bonfire Night, una tradizione antica che esiste dal 1605.  Viene chiamata anche Guy Fawkes Night.

Guy Fawkes era un signorotto che guidò un gruppo di cospiratori nella cosiddetta ” Congiunta delle Polveri”, ovvero il tentativo di far saltare in aria il palazzo di Westminster ( sede del Parlamento) con alcune cariche esplosive nescoste nei sotterranei. I motivi che spinsero questi sovversivi ad attaccare il Re, consistevano nel fatto che Giacomo I appunto, impediva ai cattolici di professare la propria religione.

E da allora ogni anno il 5 Novembre si celebra la Bonfire Night o notte dei falò, nei vari punti della città si accendono dei fuochi, e si bruciano dei manichini che stanno a rappresentare i cospiratori.

Io e l’Ing. siamo andati a vedere lo spettacolo al SouthWark Park, ed eravamo sbigottiti nel vedere fiumane di persone che come noi erano dirette verso il parco; nonostante l’aria fresca (5 gradi), migliaia e migliaia di persone, famiglie, passeggini bambini piccolissimi,tutti  fuori di casa per assistere a 10 minuti di fuochi d’artificio.

Sono arrivata alla conclusione che gli Inglesi sono STRANI !!! Vi posto un video che ho trovato su youtube, ma la qualità non è eccezionale; la musica che si sente in sottofondo è quella che c’era realmente, come ad esempio skyfall di Adele.

http://www.youtube.com/watch?v=0Z71kxKOzlo&feature=related

See you,

Dancer.

LIBERTY CHRISTMAS SHOP E LUCI DI NATALE

 

 Si, lo so è presto !

Ma come saprete qui a Londra siamo avanti, e da ieri è improvvisamente arrivato il freddo vero, 7* di massima, quindi … ……  it’s Christmas Time !

Conoscete il Liberty? E’ uno dei Department Store di Londra che si trova in pieno centro, quasi in Piccadilly Circus, esattamente in una parallela del Regent Street.

Esiste dal 1875 ed è famoso proprio per essere in stile Liberty appunto, con la sua particolare struttura in legno e muratura.

Ci sono stata qualche giorno fa e ho curiosato nel reparto natalizio, il quarto piano è dedicato al Christmas Shop. Di sotto allego alcune foto.

Una lettrice del blog (Antonella), che ringrazio, mi ha inviato una mail avvisandomi del fatto che a breve avrebbero acceso le luci di natale qui in città, accadrà infatti il 5 novembre, non ne ero informata, quindi, thanks Antonella!

Esattamente il 5 Novembre 2012 Londra sarà la prima città nel mondo ad accendere le luci di Natale, che resteranno accese fino al 5 Gennaio 2013.

Lungo la Oxford Street ( fronte House of Fraser ), ci sarà Robbie Williams che alle 17 in punto, accenderà magicamente 300.000 lucine natalizie delle tante luminarie in Oxford Street e Regent Street !

Seguirà poi un concerto ( ci sarà anche Leona Lewis).

Lunedi 29 Ottobre ci sarà una lotteria  che distribuirà i 3500 biglietti gratuiti per assistere allo spettacolo.

Chi non sarà tanto fortunato da accapparrarsene uno, potrà seguire il tutto dai megaschermi che verranno posizionati nei dintorni.

 

 

 

 

Che dire …

See you,

Dancer.

 

Vi siete mai vestiti da ‘ PENIS’ ?

Forse ne avevo già parlato altre volte di come le ragazze Londinesi diano il massimo nell’organizzare i loro Bachelorette Parties, per noi Italiani l’ addio al nubilato.

Nei week end infatti andando in giro per la città si possono incrociare gruppi di ragazze scintillanti, vestite a puntino con abitini dai colori sgargianti e tanto di coroncine, fascia d’onore come vere miss, il velo a volte anche con strascico, limousines varie e pazzie di tutti i tipi.

Alla fermata della metro avevo davanti a me un gruppo ‘alternativo’ diciamo, ovvero le ragazze erano vestite in pigiama, e stavano indossando la tuta da ‘penis’ per andare in centro a festeggiare.

Quasi quasi vorrei tornare indietro e rifare anzi |fare| l’addio al nubilato seguendo il loro esempio, io che non l’ho proprio fatto perchè sono una che ama fare tutto ciò che non fanno gli altri ! E comunque trovo che in Italia, almeno dove abitavo io, gli adii al nubilato siano un pò ripetitivi e patetici … insomma noiosi !

Qui le ragazze pare che si divertano davvero !!

Ecco di seguito alcune idee per un divertente bachelorette party come si deve ( non mancano attenzioni per i parties gay e persone di colore). Buon divertimento !

See you,

Dancer.