Ora siamo al terzo …

democrazia

1. Monti

2. Letta

3. Renzi

Mi chiedo … quando gli Italiani ne avranno abbastanza ?

Tutta questa meraviglia accade in un paese in cui Agnese Landini ( moglie di Renzi ) in tempi non sospetti diceva:

Continua a leggere

Annunci

Inghilterra vs Italia : 100 a 0

Vacanze in Sardegna !

100_3713   Quanto sto trascurando il povero blogghino …

Comunque, le meritate vacanze in Sardegna , mi tolgono       tutto il tempo, ma prestò ritornerò con tante novità !!

Intanto eccovi un pò di belle spiagge Sarde ! Continua a leggere

Come iscriversi dal medico a Londra:

Finalmente sono riuscita ad iscrivermi dal medico a Londra !

Nel Regno Unito il servizio sanitario nazionale è chiamato NHS ( sarebbe la nostra ASL), e fornisce assistenza sanitaria gratuita alla popolazione.

Quindi sia le visite mediche che ospedaliere sono gratuite, a meno che non si voglia andare da uno specialista in privato.

Il medico di base qui si chiama General Practicioner (GP), e ci si iscrive in uno di quelli che si trovano nella propria zona di residenza. Il sito sul quale andarli a cercare è quello dell’ NHS  appunto! Non dimenticatevi di selezionare la casella ‘ solo medici che accettano nuovi pazienti’, perchè alcuni sono già full.

Nel sito potete trovare la descrizione completa dell’equipe ( composizione staff, lingue parlate) , e addirittura le recensioni dei pazienti!

Io ho scelto il mio e sono andata ad iscrivermi di persona ( volevo vedere con i miei occhi), ma ci si può iscrivere anche online.

Subito ho notato delle enormi differenze rispetto a quanto abituata in Italia. Il mio medico Inglese non è uno solo, ma la ‘Practice’ è composta da tre medici e due infermiere.

Dopo la consegna del modulo alla reception, ti fissano un appuntamento per qualche giorno dopo, in cui l’infermiera compilerà la tua cartella. Devi portare le |urine| il cui flaconcino da utilizzare ti viene consegnato il giorno dell’iscrizione. Quindi l’infermiera ti dice se sono a posto, poi ti pesa e ti misura l’altezza. Si sofferma in modo particolare sul discorso alcool: non poteva credere che io fossi quasi astemia e quindi ha voluto segnare la quantità di 1 bicchiere sulla mia scheda ( e vabbè fai come vuoi, non è che mi interessi granchè ).

Mi ha chiesto del pap test e mi ha detto che devo a farlo, in quanto qui in UK è obbligatorio farlo ogni tre anni, va bene anche una ricevuta Italiana, l’importante e che loro la possano vedere, sennò spediscono lettera di sollecito a casa. Per cui c’è da prendere un appuntamento e viene fatto lì alla Practice da un’infermiera.

Dopo ciò viene fissato un altro appuntamento per il prelievo del sangue per le analisi complete ( tiroide etc .. ) sempre lì alla Practice, anche questo fatto da un’infermiera.

Diverso che in Italia, no?

Per ora l’impressione è stata molto buona, estremamente gentili, attenti, e professionali.

Ti controllano dalla A alla Z senza che tu chieda nulla, in Italia a volte ho dovuto alzare la voce solo per poter avere una ricetta!

Comunque per chi preferisce, ecco la lista dei medici Italiani a Londra: ambitalia.org.

See you,

Dancer.

La corsa delle carote

Insomma, ora non vorrei tediarvi, ma ci tengo a riferirvi di ogni iniziativa che ha luogo qui a Londra, e che riguarda il volontariato e la raccolta di fondi per le cause più disparate. Ecco, gli Inglesi, non si limitano a chiedere donazioni come facciamo noi in Italia, ma rendono l’operazione ogni volta accattivante, un gioco diciamo pure. 

Quindi qualche giorno fa quasi 500 persone hanno marciato per 15 miglia lungo il Tamigi,  vestite da carota, per la raccolta di fondi sulla ricerca e lo studio delle malattie dell’occhio e la perdita della vista.

Non si tirano indietro, stì Inglesi quando c’è da aiutare chi ha bisogno !

PS: ovviamente alla fine della serata, c’è stata la premiazione della best – dressed carota 😆

See you,

Dancer.

.. ed ecco la politica Italiana secondo Londra :

Oggi in metro durante il viaggio verso il college sfogliavo un quotidiano locale e tra le altre cose, mi sono imbattuta in questo articolo su Nicole Minetti e non sono riuscita a trattenermi dal condividerlo con voi … traduzione:

Mentre la Gran Bretagna si fa coraggio per la stagione delle party conference, in Italia le cose si mettono a posto in questo modo:

Nicole Minetti, ex showgirl, ora consigliera, sfoggia la collezione Parah New  Generation, alla Milano Fashion Week. All’inizio di quest’anno era stata accusata di vestirsi come una suora, poi gli spogliarelli in biancheria agli  ignobili bunga bunga party dell’ex presidente del consiglio Silvio Berlusconi.

|sono benvenute le correzioni di eventuali errori :D|

Che ne pensate? Siamo poco credibili o ridicoli? Non saprei cosa scegliere ….

See you,

Dancer.

Ikea e pubblicità galleggiante a Londra

Qualche giorno fa, nel Regent Canal, Nord di Londra,  IKEA ha dato luogo ad un evento molto carino.

A partire dalle 17 e fino alle 22 diverse barche navigavano nel canale con su tanti tessuti e stoffe colorate,  mobili ed accessori dando luogo ad una esposizione galleggiante abbastanza inusuale per chi vende mobili.

E’ proprio così che la casa Svedese ha deciso di presentare la nuova collezione. Carino vederla a bordo di barchette no? Ovviamente non sono mancati i cocktail di benvenuto !

Brava IKEA !

See you,

Dancer.

MISTER UNIVERSO 2012

Abbiamo visto tutti la Miss Italia 2012, quindi ora parliamo dei maschietti !

Quest’anno il titolo di Mister Universo, è stato assegnato a Marco Addis, di Cagliari.

Ha vinto la prestigiosa fascia a Chicago, sorpassando 100 concorrenti !

Ragioniere e campione di body building, 38 anni, con 25 anni di palestra. Niente farmaci, dice.

P.S: a me non piace.

See you,

Dancer.

Archiviate anche le Paralimpiadi …

Eh si, archiviate anche le paralimpiadi, si ritorna alla normalità in questa bella città. Ancora non sono stati rimossi i millemila mostriciattoli mono-occhio mascotte : Wenlock (Olimpiadi) e Mandeville ( Paralimpiadi). Questi sono i nomi di due località Inglesi molto importanti nella storia dei Giochi Olimpici.

      

Ma non li trovate bruttarelli? Se ne trovavano davvero tanti per la città, e tutti diversi. Queste mascotte sono state ampiamente discusse dagli Inglesi e non! Intanto per la loro, appunto, bruttezza, poi per il fatto di essere stati prodotti da manodopera cinese a basso costo,  e tutta una polemica di presunti legami a simbologie massoniche.  Il logo poi delle Olimpiadi, pure quello è stato aspramente criticato, dal costo esorbitante.

Quello che mi rimarrà di questa edizione, è legato alle Paralimpiadi. Non mi era mai capitato di seguirle, stavolta invece ( chissà perchè), ho avuto modo di guardarle. Ci sono degli atleti che lasciano qualcosa e la loro immagine rimane vivida nella mente…

Prima di tutto Oscar Pistorius, l’atleta 25 enne  Sud Africano, nato con una malformazione genetica.

E’ nato infatti senza i talloni ed all’età di 11 anni gli sono state amputate entrambe le gambe. E’ stato il primo atleta Paralimpico a partecipare ad una gara Olimpionica; corre grazie a due protesi realizzate con materiali di progettazione spaziale.

Jessica Long: Russa di nascita, gareggia per gli Stati Uniti. Viveva in un orfanotrofio. All’età di 13 mesi infatti venne adottata da una famiglia Americana.

E’ nata con una malformazione ed all’età di 18 mesi le amputarono entrambe le gambe. Iniziò a nuotare nella piscina dei nonni, ha fatto la cheerleader e praticato molti sport. Utlizza le minigonne con le protesi a vista senza nessun problema ed ha già vinto 3 medaglie d’oro.

He Junquan atleta Cinese, ha perso le braccia in un incidente elettrico quando aveva solo tre anni. Ha vinto diverse medaglie ed è una fonte di ispirazione per la sua nazione.

E lui … Alex Zanardi, handbike, sappiamo già tutto sulla sua storia … è un grande campione.

Voglio chiudere con una sua riflessione: “Nella vita ricevi anche in base a quanto sei in grado di dare. Nella vita bisogna provarci, le cose più belle, più inarrivabili sono sempre originate da noi, il primo passo dipende sempre e solo da noi, un obiettivo è una cosa che ti dai per decidere dove vuoi andare, ma se non sei in grado di goderti il viaggio, se non hai passione per ciò che stai facendo, vuol dire che stai ragionando per ambizione e l’ambizione non è cosi forte da portati all’obiettivo che ti sei prefissato, a quel punto è meglio cambiare e concentrasi su qualcos’altro, su qualcosa che ci viene più naturale”.

See you,

Dancer.

BUON FERRAGOSTO !!

Commenti disabilitati :D

4* Anniversario matrimonio Noidue !

Ebbene sì,

oggi Dancer e l’ Ing. festeggiano il quarto anniversario di matrimonio e infatti ora se ne vanno al mare.

Ecco !

See you,

Dancer.

.. Ma chi me l’ha fatto fare ?

Dovete sapere che io e l’Ing. siamo rientrati in Italia da due giorni, |per un mese| !!

Dancer, che a Londra era in piena salute e ogni giorno si faceva le sue passeggiate e corse nei parchi con una temperatura frescolina e rigenerante, rientra in Italia (ieri la ns macchina vicino alla spiaggia segnava 42 gradi), ora è malata probabilmente con febbre per via dell’aria condizionata, mal di gola e mal di testa !!

La domanda che si pone è quindi questa : ma chi me l’ha fatto fareeeeeee ????

Voglio ritornare a Londra !

Vi lascio con le ultime fotografie scattate al Tower Bridge agghindato per le olimpiadi, la teleferica che l’Ing. mi ha fatto prendere e che per me ha rappresentato i 15 minuti più brutti della mia vita, soprattutto quando si è fermata per 3 minuti nel punto più alto per consentire un pò di foto, e la festa spagnola a Southwark con paella finale.

See you,

Dancer.