Il vero problema delle scuole inglesi :

Sfogliando un quotidiano locale, di quelli che distribuiscono gratuitamente ogni giorno in tutta la città, non ho potuto fare a meno di soffermarmi su un articolo e riflettere su quanto lo sport sia importante per il popolo british.

L’articolo in questione, (ho allegato una foto), intitolato ‘ Il nuoto a scuola deve essere una priorità’, rileva che ogni anno 200.000 pupils di Londra terminano la primary school senza aver imparato a ….  NUOTARE !!

Non è incredibile? Effettivamente qui ad ogni angolo dove ti giri, c’è qualcuno che sta facendo movimento, nei parchi si possono vedere gruppi di joggers anche di una cinquantina di persone; chi va a cavallo, chi in bici, chi gioca a calcio, basket, qualunque disciplina !

Probabilmente in Italia si dovrebbe dare più importanza allo sport, fin dalle scuole elementari, come fanno qui !

E pensare che non sono dotati di spiaggia questi albionici ,sennò …

See you,

Dancer.

16 pensieri su “Il vero problema delle scuole inglesi :

  1. Se non ricordo male però in uk ci sono molti più obesi che in Italia… Ad ogni modo in Italia dovrebbero prima di tutto far studiare di più le lingue e meno il latino e le materie classiche..

    • Concordo per lo studio delle lingue !! Si all’apparenza il numero delle persone in sovrappeso è più alto, è più alto anche il numero degli abitanti però! Magari tengono allo sport proprio perchè qui è uso mangiare alimenti poco salutari😦

    • scusa se mi permetto, ma uno può liberamente scegliere se studiare latino e greco oppure francese tedesco e spagnolo, per cui per favore smettiamola di dire che si studiano materie classiche a scapito delle lingue straniere. E’ una scelta, e io preferisco la libertà di scelta a una scuola solo con lingue straniere e senza possibilità, per chi vuole, di imparare greco e latino. Che poi nella scelta iniziale ci possa essere poca consapevolezza siamo d’accordo, ma allora il problema è un altro.

      ne parlo anche qui se vuoi discuterne con più calma http://paleomichi.blogspot.co.uk/2012/01/post-decisamente-impopolare-ovvero.html

  2. Comincio a pensare che sia una peculiarità dei paesi nordici l’amore smisurato per bici, footing, moto all’aria aperta e il salutismo in genere. Anche qui i ciclisti hanno più diritti (nonchè ragione) di pedoni e conducenti. Appena metti piede accidentalmente sulla pista ciclabile ti insultano ad alta voce. Concordo sull’insegnare le lingue straniere, quelle al giorno d’oggi sono essenziali!! E lo dico da “dottore” in Lingue (evviva la falsa modestia…ehm ehm)…

    • é vero lo sport é un must nei paesi nordici. Io vivo in Germania e tutti, dico tutti, praticano sport e chi non pratica una determinata disciplina sportiva o va a lavoro in bici facendosi ogni giorno 20 Km o va a fare trekking il fine settimana…per quanto riguarda le lingue credo che gli italiani stiano migliorando ma c’é ancora tanta strada da fare, peró non disdegnerei greco e latino, sono le nostre radici e come tali vanno studiate!

      • @Gogobaba: anche qui é come in Germania😉
        @Torquitax: le lingue sono findamentali per due cose: lavoro e libertá. Se non le sai, sei limitato in entrambe le cose.

  3. Grissino: scusa il tono scortese e polemico, abbi pazienza, oggi sto male e sono irritabile.

    Dancer: ti ho risposto sul mio blog, cito qui la parte che spiega il perché della mia posizione un po’ dura sull’argomento:

    intanto scusa per il tono del mio commento, non solo oggi sono irritabile perchè non sto bene, ma sono anni ed anni che sento persone lamentarsi del greco e latino, persone che conosco bene, che magari hanno scelto il classico e poi si lamentano “al classico ci vorrebbero le lingue straniere e non greco e latino”, e da classicista convinta sono un po’ stufa di questa cosa.
    Sono d’accordo sul fatto che la lingua inglese è sicuramente fondamentale, e sono felice di vedere che è diventata curriculare per tutti e cinque gli anni (http://nuovilicei.indire.it/content/index.php?action=lettura_paginata&id_m=7782&id_cnt=10497) però per favore, non facciamone un “aut aut”, se non avessi fatto il latino il tedesco lo saprei decisamente peggio di quanto lo sappia, al mio esame di inglese all’università ho sfruttato i trucchetti per la traduzione imparati in 5 anni di versioni greche, e potrei andare avanti. L’inglese mi va benissimo, ma anche le lingue classiche secondo me hanno il loro perché, e sono veramente stanca di sentire ogni pochi giorni persone che vorrebbero cancellarne l’insegnamento, quando a volte non sanno nemmeno di cosa parlano. E queste ultime due frasi non sono assolutamente riferite a Grissino, quanto alla massa di persone superficiali contro cui mi trovo a combattere quotidianamente su questi temi. Il commento di Grissino mi ha solo dato lo spunto per sfogarmi.

    • Ho visto, ho visto il link che mi hai dato: una vergogna. Liceo scientifico: lingua e cultura latina 99 ore, Scienze naturali (che contiene Chimica, Biologia e Scienze della Terra che sono addirittura facoltá separate all’Universitá!!!!): 66 (!!) i primi due anni e poi 99 ore (sigh). Uno schifo, ma quale liceo scientifico che ci sono piú ore di latino che di scienze?! La nostra vita é sempre piú governata dalle scienze e dal progresso e noi insegniamo piú latino che scienze ai nostri figli. Dei geni. Prepariamo i figli a glorificare il passato chiudendogli gli occhi sul futuro. Perché non facciamo 45 ore di latino e le altre 44 le facciamo extra di scienze e lingue straniere? Questo sarebbe serio. E poi 132 ore di letteratura italiana?! Ma siamo PAZZI?! E cosa me ne faccio? Ma certo, é cultura, la gente si ciba di junk food perché manco sa leggere un’etichetta nutrizionale peró ha letto la Divina Commedia dalla A alla Z. E Filosofia? 99 ore all’anno?! “Super” come dicono qui. 99 ore di paranoie assicurate e poi i ragazzi vanno a farsi di droghe e alcool. Quasi quasi li capisco, se devono sbobbarsi sta roba anziché, che so, qualche linguaggio di programmazione che gli sarebbe utile avendo poi a che fare col PC ogni giorno… Magari se si facesse un pó piú di scienze e gli si spiegassero gli effetti dell’alcool e delle droghe sul cervello, si otterrebbe qualche risultato in piú. Bel progresso che aspetta l’Italia con una scuola cosí. Complimenti. Infatti si vede dove va la gente a cui il cervello é rimasto: all’estero.

Inserisci il tuo commento !

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...